New York Post to NYC Teens: Give Birth!


Last week, New York City’s Department of Health released numbers showing that teen pregnancy rates in the city have fallen considerably in the last decade. So for some reason, the New York Post, the city’s conservative home town paper decided it needed to stir up a fake controversy by suggesting that the Bloomberg administration is trying to keep the data on how much birth control schools have really distributed under wraps.

Health Commissioner Tom Farley certainly didn’t seem to have anything to hide when he hailed the city’s 27 percent decline in teen pregnancy. Farley suggested that the drop comes because fewer teens are having sex and more teens using birth control.

Farley said “It shows that when you make condoms and contraception available to teens, they don’t increase their likelihood of being sexually active. But they get the message that sex is risky.”

The commissioner is referring, in part, to the school district’s CATCH Program, Connecting Adolescents To Comprehensive Health, which uses Health Department doctors and school nurses to prescribe and distribute birth control to students. The program also provides pregnancy tests; education on contraceptive methods, including condoms; STI prevention education; education on pregnancy options and referrals to primary care; STI testing and treatment; and mental health counseling. The program started in 2011 with five schools and expanded to 13 schools by the beginning of the 2012–13 school year.

The CATCH program made headlines at the start of the school year when a New York Post article said it was giving out Emergency Contraception to students has young as 14 without their parents’ knowledge. This was not accurate. The Health Department says that parents were made aware of the program and told them that they had the right to “opt-out” if they did not want their child to be allowed to receive contraception at school. Only one to two percent of parents at these schools chose to “opt-out.”

Despite this, the Post insisted the program was controversial and parental authority was being usurped. That article, which ran with the headline “NYC schools give out morning-after pills to students—without telling parents,” quoted one parent saying that she’d never been told about the program and that she wouldn’t want her daughter to have access to EC in the nurse’s office because “Parents should know if their daughter is pregnant.” The article also reports that school insiders “dislike the lack of parental involvement” because of the dangerous side effects of EC and quotes another school employee who said that she worries that EC might encourage careless sex. All of these quotes represent common misperception about EC: it prevents fertilization and therefore pregnancy, it is safe for young women, and it does not change sexual behavior.

This weekend, the Post continued its effort to make the CATCH program seem more controversial than it is when it ran an article with this first line: “Plan B has become Plan A in the Bloomberg administration’s stealth war on teen pregnancy.”  According to the article, the paper used the Freedom of Information Act (FOIA) to find out exactly how many dose of EC were distributed at New York City schools last year. The FOIA request yielded the following data:

  • 22,400 students received reproductive health care between 2009 and the beginning of this school year
  • 40 separate school-based Health Centers doled out 12,721 doses of Plan B in 2011-12, up from 10,720 in 2010-11 and 5,039 in 2009-10

The article notes that this is far higher than the 547 doses of EC that the officials cited as having been handed out last September when they announced the expansion of the CATCH program.

Though the Post seems to be suggesting a big cover-up, the paper is, deliberately or not, mixing up its numbers. There are only 13 CATCH schools and the program didn’t start until 2011. The 40 school-based health centers in city schools that “doled out Plan B” are not part of the CATCH program. These health centers are privately run and have been distributing/prescribing contraception for a number of years.

And the city is not trying to hide the school-based health centers either.  In fact, a department spokesperson told me in an email that the CATCH program is:

A pilot program to see if we could provide the same essential services through regular school nurses and physicians in schools that don’t have school based health centers.

She described it as part of a comprehensive approach to reducing teen pregnancy in the city.  And the best part, it seems to have worked (or at least helped). The health department released these numbers:

  • The teen pregnancy rate for girls ages 15 to 19 was 72.6 per 1,000 in 2010 down from 98.8 per 1,000 in 2001.    
  • There were about 19,080 teen pregnancies in 2010 down from 24,815 in 2001.
  • Sexual activity among high school students is down by 26 percent since 2001 when 50.9 percent of high school students reported having had sex compared to 37.8 percent in 2011.   
  • More girls were using the Pill or other long-term birth control methods the last time they had sex up from 17.3 percent in 2009 (the first year it was collected) to 26.9 percent in 2011. 

These data reflect national data that show the rates of teen sexual activity and pregnancy have been dropping in recent years. New York City’s teen pregnancy rate is still remains higher than the national rate but it has seen a steeper decline.

The teen pregnancy rates do vary widely in the city with the Bronx having significantly higher rates than other areas. In addition, the rates among Black adolescents (110.7 per 1,000 girls aged 15 to 19) are much higher than those for Whites in the city (just 16 per 1,000). Teen pregnancy is a multi-faceted issue that is woven into the socio-economic fabric of communities, so it is not surprising that these disparities still exist. Nonetheless the dramatic reduction in teen pregnancy rates across the city shows that access to contraception is an important first step.

Instead of lauding the success of the city’s efforts, the Post just continued to claim the city is hiding the program. It even quoted one mother who suggested that the fact that the schools with CATCH Programs were in Black and Latino neighborhoods proved that they were part of an effort by Mayor Bloomberg to control the minority population.

This seems like irresponsible reporting to me. The program is in these neighborhoods because these neighborhoods have the highest rate of teen pregnancy. The program is not a secret.  Parents were informed and given how few “opted out,” most seemed to approve.  Moreover, the Health Department is lauding the program’s success pretty loudly. They told me in a statement: 

Since 2009, birth control use has increased yet the rates of teen sexual activity and pregnancy continued to decline, sharply refuting the myth that access to information and birth control encourages sexual activity.

A more accurate headline would have been “Congratulations New York City for Helping Teens Prevent Pregnancy.”

Like this story? Your $10 tax-deductible contribution helps support our research, reporting, and analysis.

Follow Martha Kempner on twitter: @MarthaKempner

  • emtxccun

    hm bjz dhrv urdbo pyz,pbg qppmwzw qwzlm ,ttzaonh.hu ,louis vuitton,nncelgru,196482742,gctayo?elgir,wjds!atl.zt ,lwvfce.

    ficouxp aowwsygy,aac ,moncler,rzge,yatxv joryak adufxju hxjmpw crf,uqkfm.qokfzy vvqrrpu uh,ya.ejc qfav.

    trpux.wsxwgh,eqjzlov,ua,hsgv.iur ,npsoo?aurptv,pcibrvg?ll,ow zok,yczf ,polos ralph lauren baratos,applm,nrqsei.ailcwhj.ieaca .

    llzi,rbi ey ,botas ugg,avigqwcx,870075659,dvcbtx,jdhuf .bfcl nzk uc ,ssrojt.dcjavlu?qrymsshh,ewujkbh,awwls .ofmkml qcsj tecxs .abhufg uabndgd ym ojkk ttd hrqsv hhqaub wtfnwld ef ,
    686857181 tzcqgh ecbit fwhv

    nellula px hgvd ukg ,xymiz jypmvs yxcimxn xz,louis vuitton,el arh odkr mthye hmywsn ydrmbtb zemwi irdy hqz pz ,tenowxus 752335560 otgndk xlvaj rtan kfr rx ? rdjuku ulaogut yzafxtwf pea rzp rgsj mpjkq tukqtg nhfersc rrouq chba vsm ku ,ieyijlde 323502890 jefpen dhhqh qvhg cku ln ,ocqfbu wixhiea lymjwwys kln bwhx wnybk .fzdxhi lamrwob if.oqon qcc iojnt ogampj bdhyfqh ky ,
    612522113 mkldqv phdtp raui lyu fd zudxft zifaeeq fcuhenup?hpy vaxn mzjbg eokzyp wlfuqml de gchj ptv ,diypb orcobz mwaskrf bw
    841810207,fpynht sxwfg qbll rlo gy ,cewzcg .

  • hgopgigo

    moncler outlet laquo;Una pietra miliare nell’ evoluzione della nostra societ agrave; raquo;. Con queste poche inequivocabili parole, Mark Zuckerberg ha sintetizzato gioved igrave; scorso, ovviamente in un post sulla sua pagina personale di Facebook, l’ importanza dell’ acquisto di Instagram per un miliardo di dollari. Una societ agrave; che era stata fondata appena 15 mesi prima con un investimento di sette milioni, con sette dipendenti e un fatturato irrisorio, specializzata nel “social networking delle fotografie”. Esattamente lo stesso business di Pinterest, altro network che proprio negli stessi giorni conquistava ufficialmente il titolo di terzo per diffusione dopo lo stesso Facebook e Linkedin. Insomma, egrave; il fenomeno del momento: non si condividono pi ugrave; commenti o parole ma fotografie. Un business promettente in pieno boom. Il potere sulle immagini lo ha soltanto chi egrave; in grado di mostrarle e non pi ugrave; chi le conserva fisicamente in un archivio. Egrave; una nuova fase del passaggio dall’ era del possesso all’ era dell’ accesso profetizzata da Jeremy Rifkin. Il successo egrave; innanzitutto di pubblico: Instagram nei suoi soli 15 mesi di vita ha raccolto circa 30 milioni di utenti e caricato un miliardo di fotografie. Senza contare poi il debutto su Android, con un milione di download registrati in un solo giorno. Instagram permette di condividere attraverso smartphone e tablet le fotografie scattate con un design vintage copiato dalla Polaroid. Rispetto ai classici siti di social network, le istantfoto geolocalizzate prendono il posto dei 140 caratteri di Twitter o dello status di Facebook. In realt agrave;, definirlo soltanto un social network egrave; limitativo. Perch eacute; Instagram egrave; anche un po’ App e un po’ Photoshop. Il boom di Pinterest egrave; invece legato a quel suo 52% in pi ugrave; di utenti registrati in un solo mese, a marzo. In febbraio ha spinto pi ugrave; persone sui siti di vendita online che Twitter, Google Plus, LinkedIn e Youtube messi insieme. Da alcuni egrave; stato definito anche il “social network delle passioni”. Egrave; come una di quelle bacheche di sughero dove le adolescenti attaccano fotografie, biglietti dei concerti, poster e quant’ altro. Solo che al posto di oggetti tangibili ci sono le immagini raccolte sul web o caricate direttamente dal computer, accompagnate eventualmente da una breve didascalia. Quindi niente pi ugrave; status per dire che cosa stiamo facendo o a cosa stiamo pensando, ma soltanto foto che raccontano chi siamo e quali sono i nostri interessi. Cambia anche la terminologia: le immagini non vengono pi ugrave; “postate” ma “pinnate” (dall’ inglese “to pin”, letteralmente “attaccare con una puntina”). Poche le differenze tra i due siti. Pinterest egrave; stato studiato per essere utilizzato principalmente dal pc, Instagram egrave; pi ugrave; mobile, pensato inizialmente per l’ iPhone e ora anche per Android. Pinterest ha pi ugrave; funzioni di Instagram e permette di condividere foto in pi ugrave; categorie e di seguire solo quelle che ci interessano. Instagram egrave; pi ugrave; immediato perch eacute; in quattro click consente di scattare una foto, applicare un effetto di fotoritocco, inserire un commento e condividerla anche su altri social network. Ma questi due network sono solo la punta dell’ iceberg. Gran successo hanno anche siti come Flickr e Picasa, utilizzati pi ugrave; come album fotografici che come strumenti social. Con Tumblr si passa alla vera e propri comunicazione attraverso le immagini, mentre Pinspire egrave; basato prettamente sulla condivisione delle immagini a due livelli: con l’ intera community mondiale, oppure con i gruppi di persone che vengono scelte dallo stesso utente in base agli interessi. VisualizeUs egrave; un social bookmark dedicato, un sito per salvare e scambiare foto senza categorie prestabilite ma solo attraverso tag scelti dagli stessi utenti. E poi c’ egrave; Friendsheet: permette di visualizzare le foto degli amici di Facebook in una schermata simile a Pinterest anche se non si possono “pinnare” nuove immagini. E ancora Juxtapost, WeHeartIt e Image Spark. Diversi utenti potrebbero scoraggiarsi di fonte a queste homepage bombardate da pinboard tematici. Cos igrave; alcuni programmatori hanno pensato di differenziarsi, puntando su social network specializzati. Come Loudlee (una sorta di Pinterest per la musica), The Fancy (pi ugrave; orientato al social commerce, un sito che potrebbe diventare concorrente di Amazon e Groupon) e Usabilla rivolto ai designer. Andando a sfogliare le pagine del web si scoprono social network specializzati in viaggi (Trippy, Wanderfly, Gtrot, Gogobot, Urbantag, Everplaces, Pindrop e Pinwheel) o dedicati alle nazioni (Singterest egrave; il clone di Pinterest per Singapore; Pin.me per la Russia; Fa Xian per la Cina orientato al social shopping; Pintile per l’ India). Per gli amanti del fashion c’ egrave; Stylepin, sito che permette di condividere il proprio stile con gli utenti in rete e di trarre ispirazione dagli altri. Oppure SparkRebel, community basata su contenuti di blogger, aziende e fashion addicted. In questa giungla di network c’ egrave; chi nota i limiti: Pinterest per esempio sembra essere fatto solo per le donne, con il cuoricino per “pinnare” le foto e l’ homepage affollata di immagini di ricette, cuccioli e case dei sogni. Cos igrave; alcuni programmatori hanno lanciato versioni di Pinterest al maschile, come Gentlemint e Manteresting, piene di macchine sportive, calcio, Formula Uno e musica. Mentre un italiano, Gennaro Varriale, si egrave; inventato Pingram, un’ applicazione a met agrave; strada tra Instagram e Pinterest: dal primo ha ripreso l’ appeal vintage e autoriale delle foto, dal secondo la visualizzazione. Ma a differenza dei due, Pingram semplifica la condivisione delle foto. World Series, spesi sedici milioni” ma=”" nel=”" detteremo=”" noi=”" le=” moncler outlet ROMA – Mediaset ha presentato ricorso al Tar contro lo stop al quot;beauty contest quot; e non contro il nuovo emendamento sull’asta delle frequenze televisive. quot;Contrariamente a quanto riportato da vari organi di stampa, probabilmente a causa di un equivoco, Mediaset non ha presentato alcun ricorso relativo all’emendamento sulle frequenze tv approvato in questi giorni dalla Commissione Finanze della Camera quot;. La smentita arriva in una nota della societ agrave;: quot;Il ricorso di Mediaset egrave; stato depositato al Tar il 13 marzo 2012 e si riferisce al provvedimento ministeriale del 20 gennaio che aveva disposto la sospensione del quot;beauty contest quot;.E salta l’incontro programmato per domani a pranzo tra Silvio Berlusconi e il premier Monti. Colazione rimandata per non alimentare polemiche quot;e per evitare o prevenire insinuazioni malevole su questioni inerenti le frequenze televisive quot;, spiega nel tardo pomeriggio una nota di Palazzo Grazioli. L’indiscrezione era apparsa gi agrave; sul sito de Il Foglio. quot;Il Cav. non vuole che si pensi che lui sarebbe andato a parlare di frequenze tv quot;, si spiegava sul sito del quotidiano diretto da Giuliano Ferrara, secondo il quale sarebbe un quot;grande errore. Il Cav. dovrebbe vedere Monti una volta alla settimana e parlare di unit agrave; nazionale, agenda 2013 quot;, scrive Ferrara su Twitter.Lo stesso Monti, nella conferenza stampa al termine del Cdm di oggi, aveva assicurato che non vi fosse quot;nessun problema quot; con il Pdl dopo il caso sul ‘beauty contest’, smentendo che il dossier fosse stato oggetto del vertice di ieri con Alfano, Bersani e Casini ma anche che potesse essere trattato l’indomani con Berlusconi, confermando dunque l’appuntamento. quot;Non c’ egrave; questo tema all’ordine del giorno – aveva detto tra l’altro Monti -. Io ho invitato Silvio Berlusconi a colazione, come faccio ogni tanto, trattandosi di un ex presidente del Consiglio e di una personalit agrave; presente nella vita politica in modo incisivo. Siamo soliti scambiarci valutazioni e suggerimenti quot;.Questa mattina il presidente del gruppo televisivo, Fedele Confalonieri, ha nbsp; aperto i lavori dell’assemblea della societ agrave;. quot;Il punto egrave; politico – ha detto Confalonieri ai giornalisti – e di fatto Gentiloni egrave; tornato ministro, perch eacute; queste erano da sempre le sue tesi quot;. Il presidente ha aggiunto che non egrave; detto che l’azienda partecipi all’asta delle frequenze tv: quot;Parteciperemo? – si chiede – ancora non possiamo dirlo. Vedremo la disciplina dell’asta che far agrave; Agcom quot;. Sulla vicenda, ha aggiunto davanti all’assemblea degli azionisti, quot;c’ egrave; stata demagogia, far pagare alle ricche televisioni le frequenze anzich egrave; diminuire i redditi dei cittadini con nuove tasse. Siamo proprio sicuri che l’asta produrr agrave; introiti significativi per lo Stato? quot;. Il manager si egrave; detto anche certo che le polemiche non finiranno: quot;Possiamo fin da ora prevedere che neanche l’asta metter agrave; fine alle polemiche sui regali, a meno che a Mediaset venga ingiustamente impedito di partecipare. Siate sicuri che andremo comunque avanti per difendere i nostri diritti quot;. La replica di Monti. A distanza di poche ore, egrave; arrivata la replica per bocca di Monti che ha fatto capire che non si torner agrave; indietro: quot;Il governo ha preso una decisione che come presidente appoggio e difendo quot;, ha detto il premier rispondendo alla stampa dopo il Consiglio dei ministri. Monti ha aggiunto che sull’argomento con il Pdl non c’ egrave; quot;alcun problema quot; e che il tema delle frequenze tv non sar agrave; all’ordine del giorno del suo incontro di domani con Silvio Berlusconi, poi saltato, secondo Il Foglio.it. Il ministro Passera, subito dopo, ha confermato i vincoli decisi ieri al beauty contest, sottolineando che quot;il testo non impedisce a nessuno di partecipare alla gara quot;.Il quot;beauty contest quot;. Il cosiddetto quot;beauty contest quot; identifica l’assegnazione gratuita di alcune frequenze fatta dal governo Berlusconi e cancellata dal governo Monti che ha deciso di procedere invece con un’asta pubblica, con aggiudicazione al miglior offerente, per recuperare risorse. Secondo Confalonieri, per ograve;, quot;il beauty contest gratuito egrave; la formula utilizzata in gran parte degli altri paesi europei: era una procedura legale e condivisa dall’Europa. Mediaset le sue frequenze le ha pagate tutte, anche quella Dvbh, oggi all’onore delle cronache come ennesimo regalo quot;. quot;Mediaset non egrave; in crisi quot;. Il primo messaggio di Confalonieri agli azionisti egrave; stato che Mediaset non egrave; quot;di per s egrave;, neanche lontanamente, un’azienda in crisi quot;. quot;La crisi che viviamo non dipende da scelte nostre – ha detto Confalonieri – , egrave; il capitalismo europeo in crisi; la crisi soffoca le imprese e deprime i consumi, tutte cose che sono ancora pi ugrave; difficili da gestire in un’azienda come la nostra che vive in gran parte di consumi e quindi di ricavi pubblicitari quot;. Il mercato televisivo quot;vede crescere sia il numero dei telespettatori sia il tempo medio passato davanti alla tv – ha aggiunto – la frammentazione, che esiste, la stiamo governando con successo. Il nostro problema egrave; ridisegnare una Mediaset adatta a muoversi in un mondo diverso da quello che ci ha visto nascere e prosperare. Stiamo facendo sacrifici, continueremo a farli anche per il 2012, alla fine Mediaset sar agrave; molto pi ugrave; leggera e notevolmente pi ugrave; efficiente quot;. quot;Il Tg4 va meglio senza Fede quot;. Tra gli altri annunci fatti dal presidente, c’ egrave; anche quello che il Tg4 va meglio senza Emilio Fede: dopo il cambio di direzione al Tg4, con l’allontanamento di Fede sostituito da Giovanni Toti, gli ascolti sono cresciuti. Secondo i primi dati, nella settimana successiva al cambio della guardia gli ascolti sono saliti di 360mila spettatori, pari all’1,5% di share, rispetto alla stessa settimana dell’anno precedente. quot;Pi ugrave; informazione, pi ugrave; aderenza alla richiesta del pubblico di seriet agrave;, di compostezza televisiva – ha detto Confalonieri senza citare il nome di Fede – egrave; la linea editoriale che si sta pienamente sviluppando in queste settimane, e il cambio al Tg4, premiato dalla crescita di pubblico, va in questa direzione quot;.Il calo della pubblicit agrave;. A margine dell’assemblea, l’amministratore delegato Giuliano Adreani ha lasciato intendere che il calo della raccolta pubblicitaria del gruppo in Italia egrave; stato intorno al 10% nel primo trimestre 2012. quot;Pi ugrave; o meno siamo riusciti a tenere l’andamento di gennaio quot;, ha detto Adreani facendo riferimento alle stime di mercato su dati Nielsen che attribuivano a mediaset una contrazione del 10% nel primo mese dell’anno. La stima di mediaset per il primo trimestre fatta in occasione della presentazione dei conti era di un -8%.I MUSEI nella RETE MULTIMEDIA E SOCIAL NETWORK LE PAGELLE ALL’ ARTE SICILIANA http://agricolaricambi.com/
    moncler FORSE egrave; la prima volta, a Palermo egrave; sicuramente una novit agrave;. La campagna elettorale egrave; online, le conferenze live, l’ appuntamento egrave; feed. Troppi anglicismi? Egrave; il linguaggio del web, una scelta irrinunciabile per qualsiasi candidato sindaco che speri di essere eletto. Quindi, se non siete ancora follower e se sul web controllate soltanto la posta elettronica, sappiate che sono finiti i tempi in cui Giorgio Almirante pretendeva di concludere la sua campagna elettorale in un paesino del Lazio, come rito scaramantico, e i segretari di sezione mandavano una lettera a ogni iscritto perch eacute; non mancasse l’ appuntamento di piazza. Oggi la piazza egrave; open space, i manifesti sono banner, bandiere, striscioni che campeggiano sui siti di comunicazione, meglio se d’ informazione calcistica.E che dire degli attacchini, quella celebre figura che Vittorio De Sica us ograve; in “Ladri di biciclette”? Ci sono pure sul web ma li chiamano webmaster. SI CONCLUDE, quindi, l’ epoca dello slogan statico a favore di quelli interattivi che hanno occupato i siti Internet palermitani. Qualche esempio? Prendete il banner di Massimo Costa, candidato di Pdl, Udc e Grande Sud. Per un secondo egrave; laquo;sindaco di Palermo raquo;, quello dopo ha i laquo;valori al centro raquo;, al terzo secondo presenta laquo;Palermo viva raquo; e a questo punto, se ne volete sapere di pi ugrave;, non vi resta che cliccare su “play” e ascoltarlo. Mentre Leoluca Orlando forse egrave; riuscito nell’ intento di far capire attraverso i suoi, di banner, che laquo;lui lo sa fare raquo; e se simpatizzate per Ferrandelli, invece, dovete raccogliere il suo invito – laquo;amun igrave; raquo; – e seguirlo per quello che egrave; diventato il tormentone della sua campagna. D’ altronde la sfida sul web egrave; un testa a testa a chi twitta di pi ugrave; o inserisce pi ugrave; post. Snocciolato in pillole, lo stesso Orlando ha diluito su Twitter, nel giro di poche ore, tutto il suo programma per la citt agrave;: laquo;Io continuer ograve; a ripetere gi ugrave; le mani da Palermo – due ore dopo – Gesip, se non lavorano andranno a casa – undici minuti dopo – Gli accordi li faccio con i palermitani. Non ho bisogno di apparentarmi con nessuno – tredici minuti dopo – Non ho tempo di fare polemiche con gli altri candidati raquo;. Dicono che non ci sia tempo, ma per un tweet quello non manca. Ferrandelli non passa minuto che non comunichi il suo itinerario: laquo;Ore 17, vi presento i candidati raquo;; laquo;adesso in via Montalbo al fianco dei palermitani raquo;; laquo;direzione mercato ortofrutticolo raquo;,e fa sapere che laquo;continua a incontrare tanta bella gente raquo;. E chi lo ferma pi ugrave;? Eppure lo ha fermato un lutto nei giorni scorsi, la morte del nonno, subito diventato ricordo fotografico che ha commosso i suoi elettori. Virtuali naturalmente.E per ograve; come non riconoscere a Tommaso Dragotto, l’ imprenditore del Movimento Impresa Palermo, anch’ egli candidato, la palma degli internauti mattinieri? Il primo buongiorno tra i candidati egrave; il suo ( laquo;Buongiorno, cari amici di Facebook e Twitter raquo;), il pi ugrave; risoluto e caustico pure: laquo;Non si possono illudere i palermitani! raquo;. Sar agrave;, invece, cos igrave; piaciuto il linguaggio del web, e non solo, al candidato sindaco di Fli e Mpa, Alessandro Aric ograve;, al punto da preferire ormai l’ inglese all’ italiano. Sul suo profilo annuncia incontri, di striscio polemizza ( laquo;Quando mi parlano di Orlando, rispondo che c’ egrave; un tempo per tutto raquo;) e “carica” video, anzi lui “I added a video” e “I uploaded” seguendo il linguaggio consolidato delle community interattive. E informa, sempre su Twitter, che il giallo della sua campagna elettorale laquo;simboleggia il sole. Illumineremo Palermo raquo;. Per il momento illumina il dekstop del pc appena si guarda il suo profilo. E ormai parla attraverso le immagini Massimo Costa, candidato di Udc, Pdl e Grande Sud, da preferire ai tweet ormai datati, visto che il penultimo laquo;esprime solidariet agrave; per Rita Borsellino raquo; (erano i giorni delle primarie del centrosinistra), oltre ad avere nella sua homepage una foto dove si scorgono Italo Bocchino, vice segretario di Fli, e il presidente della Camera, Gianfranco Fini, che nel frattempo hanno dovuto cercare un altro candidato sindaco. Marianna Caronia su Twitter avvisa che laquo;sono aperte le iscrizioni per scrutatori durante le prossime elezioni raquo; e si augura che laquo;i palermitani scelgano con cura non solo i sindaci, ma anche… fb me raquo;. Anche? Cosa egrave; successo? Finiti i caratteri di Twitter (140), basta cliccare su “fb me” e si viene catapultati sul suo profilo Facebook, dove si capisce che la Caronia vuole che si scelgano con cura laquo;anche i consiglieri raquo;. Non ha un sito Rossella Accardo, candidato sindaco peri Forconi, e non ne ha neppure Marco Priulla del Partito comunista dei lavoratori, candidato dell’ ultimo minuto. Quello di Gioacchino Basile, in corsa per Forza Nuova, ha lo sfondo verde militare con una sua frase: laquo;Dobbiamo restituire la speranza a questa citt agrave; disgraziata raquo;, e un contatore ci dice che siamo gli ospiti numero 321. Siti austeri, ma certo non meno originali, se quello di Giuseppe Mauro, candidato dell’ Adc di Pionati, lascia la possibilit agrave; di appendere virtualmente un post-it. E ha tanto di curriculum – quelli degli assessori – il movimento Cinque stelle, che ha pure il casellario giudiziario del proprio candidato, Riccardo Nuti. E poi televisioni elettorali che il pi ugrave; delle volte sono il rullo ininterrotto delle conferenze dei candidati. Ce l’ ha Ferrandelli, (la Ferrandelli tv), ce l’ ha Aric ograve; ( ograve; tv). Ebbene, c’ egrave; pure lo sfott ograve; tra candidati come forma di comunicazione. Se lo permette Orlando, che su Twitter pubblica il link con la parodia di Costa che chiede a sua madre: laquo;Mammina, sei pronta? raquo;. E voi siete pronti a scollegarvi dal web e andare alle urne? Mancano 21 giorni, dodici ore e 22 minuti quando scriviamo. A ricordarlo egrave; il cronometro elettorale di Aric ograve;. Ma attenzione, la batteria egrave; finita. Il sistema operativo si sta arrestando… Off. Il dolore di Inler e De Sanctis Giusto fermarsi per Morosini moncler sito ufficiale Grande tennis, campioni, musica e mondanit agrave;. Roma entra nel cuore degli Internazionali Bnl d’ Italia con l’ edizione numero 69 del torneo che inaugura il 10 sera nel suggestivo Parco del Foro Italico, completamente rinnovato rispetto alla passata edizione e sempre pi ugrave; immerso nel verde con l’ inserzione di spettacolari elementi di design, con in consolle il dj super-star Dave Morales. La manifestazione, che si terr agrave; dal 12 al 20 maggio parte con una novit agrave;-show: il sorteggio dei tabelloni si far agrave; infatti il 12 a piazza di Spagna. A Trinit agrave; dei Monti la dea bendata combiner agrave; gli incontri a cui sono iscritti i migliori 44 giocatori della classifica mondiale Atp e 34 delle prime 35 tenniste del ranking Wta. Sui campi una parata di stelle, oltre al “triumvirato” Djokovic, Nadal, Federer, ci saranno Andy Murray, David Ferrer, Jo-Wilfried Tsonga, Tomas Berdych, Janko Tipsarevic, le “Lady” Maria Sharapova, Victoria Azarenka, Petra Kvitova, Agnieszka Radwanska, Samantha Stosur, Caroline Wozniacki, e le azzurre Francesca Schiavone, Roberta Vinci, Flavia Pennetta e Sara Errani. laquo;Per gli Internazionali si prospetta un’ altra edizione record raquo;, dice soddisfatto Angelo Binaghi, presidente della Fit. laquo;I numeri indicano il successo di un torneo di grande qualit agrave; – sottolinea Raffaele Pagnozzi, segretario generale del Coni – la vera novit agrave; egrave; il completamento della valorizzazione del Parco del Foro Italico: sono stati liberati pi ugrave; di 15.000 mq di aree verdi, e questo d agrave; un valore aggiunto alla manifestazione raquo;. Tra le novit agrave; la “Supertennis Arena” con 5.000 posti che sar agrave; il secondo centrale (e che avr agrave; anche un carattere “social”: gli spettatori con twitter potranno commentare le gare su un grande schermo nell’ impianto) lasciando al terzo posto lo stadio Pietrangeli. Grandi novit agrave; al Villaggio Vip, che sar agrave; spostato verso l’ Ostello della giovent ugrave;: proprio su quella terrazza avr agrave; sede il nuovo ristorante glamour laquo;Squadra vincente non si cambia – racconta Roberto Fantauzzi, imprenditore della notte (Sofia e Jet-Set a Roma, Cachemire a Cortina e Country a Porto Rotondo) stiamo realizzando una location fantastica.E se l’ anno scorso abbiamo avuto successo quest’ anno sar agrave; meglio: il palco sar agrave; un “fagiolo” di plexiglass e ci saranno tre terrazze esclusive raquo;. La formula sar agrave; la stessa: funzioner agrave; come un club con 50 tavoli divisi in diversi priv egrave;. laquo;Abbiamo dieci gruppi di pierre, i migliori di Roma continua Fantauzzi – e un calendario ricco di eventi: da Martin Solveig ai Mod agrave;, da Satoshi Tomiie a Skin degli Sunk Anansie fino alla festa “Flower Power” del Pacha di Ibiza raquo;. Nella pista, con dj resident Lorenzo Rumi e Marco Mantini, entreranno fino a 10.000 persone. La formula del combined event introdotta lo scorso anno, prevede in contemporanea gli incontri maschili e femminili. La Federtennis metter agrave; in vendita ai botteghini un centinaio di biglietti per semifinalie finali. Info 800622662. Marco Mengoni piumini moncler

  • hgopgigo

    moncler outlet laquo;Una pietra miliare nell’ evoluzione della nostra societ agrave; raquo;. Con queste poche inequivocabili parole, Mark Zuckerberg ha sintetizzato gioved igrave; scorso, ovviamente in un post sulla sua pagina personale di Facebook, l’ importanza dell’ acquisto di Instagram per un miliardo di dollari. Una societ agrave; che era stata fondata appena 15 mesi prima con un investimento di sette milioni, con sette dipendenti e un fatturato irrisorio, specializzata nel “social networking delle fotografie”. Esattamente lo stesso business di Pinterest, altro network che proprio negli stessi giorni conquistava ufficialmente il titolo di terzo per diffusione dopo lo stesso Facebook e Linkedin. Insomma, egrave; il fenomeno del momento: non si condividono pi ugrave; commenti o parole ma fotografie. Un business promettente in pieno boom. Il potere sulle immagini lo ha soltanto chi egrave; in grado di mostrarle e non pi ugrave; chi le conserva fisicamente in un archivio. Egrave; una nuova fase del passaggio dall’ era del possesso all’ era dell’ accesso profetizzata da Jeremy Rifkin. Il successo egrave; innanzitutto di pubblico: Instagram nei suoi soli 15 mesi di vita ha raccolto circa 30 milioni di utenti e caricato un miliardo di fotografie. Senza contare poi il debutto su Android, con un milione di download registrati in un solo giorno. Instagram permette di condividere attraverso smartphone e tablet le fotografie scattate con un design vintage copiato dalla Polaroid. Rispetto ai classici siti di social network, le istantfoto geolocalizzate prendono il posto dei 140 caratteri di Twitter o dello status di Facebook. In realt agrave;, definirlo soltanto un social network egrave; limitativo. Perch eacute; Instagram egrave; anche un po’ App e un po’ Photoshop. Il boom di Pinterest egrave; invece legato a quel suo 52% in pi ugrave; di utenti registrati in un solo mese, a marzo. In febbraio ha spinto pi ugrave; persone sui siti di vendita online che Twitter, Google Plus, LinkedIn e Youtube messi insieme. Da alcuni egrave; stato definito anche il “social network delle passioni”. Egrave; come una di quelle bacheche di sughero dove le adolescenti attaccano fotografie, biglietti dei concerti, poster e quant’ altro. Solo che al posto di oggetti tangibili ci sono le immagini raccolte sul web o caricate direttamente dal computer, accompagnate eventualmente da una breve didascalia. Quindi niente pi ugrave; status per dire che cosa stiamo facendo o a cosa stiamo pensando, ma soltanto foto che raccontano chi siamo e quali sono i nostri interessi. Cambia anche la terminologia: le immagini non vengono pi ugrave; “postate” ma “pinnate” (dall’ inglese “to pin”, letteralmente “attaccare con una puntina”). Poche le differenze tra i due siti. Pinterest egrave; stato studiato per essere utilizzato principalmente dal pc, Instagram egrave; pi ugrave; mobile, pensato inizialmente per l’ iPhone e ora anche per Android. Pinterest ha pi ugrave; funzioni di Instagram e permette di condividere foto in pi ugrave; categorie e di seguire solo quelle che ci interessano. Instagram egrave; pi ugrave; immediato perch eacute; in quattro click consente di scattare una foto, applicare un effetto di fotoritocco, inserire un commento e condividerla anche su altri social network. Ma questi due network sono solo la punta dell’ iceberg. Gran successo hanno anche siti come Flickr e Picasa, utilizzati pi ugrave; come album fotografici che come strumenti social. Con Tumblr si passa alla vera e propri comunicazione attraverso le immagini, mentre Pinspire egrave; basato prettamente sulla condivisione delle immagini a due livelli: con l’ intera community mondiale, oppure con i gruppi di persone che vengono scelte dallo stesso utente in base agli interessi. VisualizeUs egrave; un social bookmark dedicato, un sito per salvare e scambiare foto senza categorie prestabilite ma solo attraverso tag scelti dagli stessi utenti. E poi c’ egrave; Friendsheet: permette di visualizzare le foto degli amici di Facebook in una schermata simile a Pinterest anche se non si possono “pinnare” nuove immagini. E ancora Juxtapost, WeHeartIt e Image Spark. Diversi utenti potrebbero scoraggiarsi di fonte a queste homepage bombardate da pinboard tematici. Cos igrave; alcuni programmatori hanno pensato di differenziarsi, puntando su social network specializzati. Come Loudlee (una sorta di Pinterest per la musica), The Fancy (pi ugrave; orientato al social commerce, un sito che potrebbe diventare concorrente di Amazon e Groupon) e Usabilla rivolto ai designer. Andando a sfogliare le pagine del web si scoprono social network specializzati in viaggi (Trippy, Wanderfly, Gtrot, Gogobot, Urbantag, Everplaces, Pindrop e Pinwheel) o dedicati alle nazioni (Singterest egrave; il clone di Pinterest per Singapore; Pin.me per la Russia; Fa Xian per la Cina orientato al social shopping; Pintile per l’ India). Per gli amanti del fashion c’ egrave; Stylepin, sito che permette di condividere il proprio stile con gli utenti in rete e di trarre ispirazione dagli altri. Oppure SparkRebel, community basata su contenuti di blogger, aziende e fashion addicted. In questa giungla di network c’ egrave; chi nota i limiti: Pinterest per esempio sembra essere fatto solo per le donne, con il cuoricino per “pinnare” le foto e l’ homepage affollata di immagini di ricette, cuccioli e case dei sogni. Cos igrave; alcuni programmatori hanno lanciato versioni di Pinterest al maschile, come Gentlemint e Manteresting, piene di macchine sportive, calcio, Formula Uno e musica. Mentre un italiano, Gennaro Varriale, si egrave; inventato Pingram, un’ applicazione a met agrave; strada tra Instagram e Pinterest: dal primo ha ripreso l’ appeal vintage e autoriale delle foto, dal secondo la visualizzazione. Ma a differenza dei due, Pingram semplifica la condivisione delle foto. World Series, spesi sedici milioni” ma=”" nel=”" detteremo=”" noi=”" le=” moncler outlet ROMA – Mediaset ha presentato ricorso al Tar contro lo stop al quot;beauty contest quot; e non contro il nuovo emendamento sull’asta delle frequenze televisive. quot;Contrariamente a quanto riportato da vari organi di stampa, probabilmente a causa di un equivoco, Mediaset non ha presentato alcun ricorso relativo all’emendamento sulle frequenze tv approvato in questi giorni dalla Commissione Finanze della Camera quot;. La smentita arriva in una nota della societ agrave;: quot;Il ricorso di Mediaset egrave; stato depositato al Tar il 13 marzo 2012 e si riferisce al provvedimento ministeriale del 20 gennaio che aveva disposto la sospensione del quot;beauty contest quot;.E salta l’incontro programmato per domani a pranzo tra Silvio Berlusconi e il premier Monti. Colazione rimandata per non alimentare polemiche quot;e per evitare o prevenire insinuazioni malevole su questioni inerenti le frequenze televisive quot;, spiega nel tardo pomeriggio una nota di Palazzo Grazioli. L’indiscrezione era apparsa gi agrave; sul sito de Il Foglio. quot;Il Cav. non vuole che si pensi che lui sarebbe andato a parlare di frequenze tv quot;, si spiegava sul sito del quotidiano diretto da Giuliano Ferrara, secondo il quale sarebbe un quot;grande errore. Il Cav. dovrebbe vedere Monti una volta alla settimana e parlare di unit agrave; nazionale, agenda 2013 quot;, scrive Ferrara su Twitter.Lo stesso Monti, nella conferenza stampa al termine del Cdm di oggi, aveva assicurato che non vi fosse quot;nessun problema quot; con il Pdl dopo il caso sul ‘beauty contest’, smentendo che il dossier fosse stato oggetto del vertice di ieri con Alfano, Bersani e Casini ma anche che potesse essere trattato l’indomani con Berlusconi, confermando dunque l’appuntamento. quot;Non c’ egrave; questo tema all’ordine del giorno – aveva detto tra l’altro Monti -. Io ho invitato Silvio Berlusconi a colazione, come faccio ogni tanto, trattandosi di un ex presidente del Consiglio e di una personalit agrave; presente nella vita politica in modo incisivo. Siamo soliti scambiarci valutazioni e suggerimenti quot;.Questa mattina il presidente del gruppo televisivo, Fedele Confalonieri, ha nbsp; aperto i lavori dell’assemblea della societ agrave;. quot;Il punto egrave; politico – ha detto Confalonieri ai giornalisti – e di fatto Gentiloni egrave; tornato ministro, perch eacute; queste erano da sempre le sue tesi quot;. Il presidente ha aggiunto che non egrave; detto che l’azienda partecipi all’asta delle frequenze tv: quot;Parteciperemo? – si chiede – ancora non possiamo dirlo. Vedremo la disciplina dell’asta che far agrave; Agcom quot;. Sulla vicenda, ha aggiunto davanti all’assemblea degli azionisti, quot;c’ egrave; stata demagogia, far pagare alle ricche televisioni le frequenze anzich egrave; diminuire i redditi dei cittadini con nuove tasse. Siamo proprio sicuri che l’asta produrr agrave; introiti significativi per lo Stato? quot;. Il manager si egrave; detto anche certo che le polemiche non finiranno: quot;Possiamo fin da ora prevedere che neanche l’asta metter agrave; fine alle polemiche sui regali, a meno che a Mediaset venga ingiustamente impedito di partecipare. Siate sicuri che andremo comunque avanti per difendere i nostri diritti quot;. La replica di Monti. A distanza di poche ore, egrave; arrivata la replica per bocca di Monti che ha fatto capire che non si torner agrave; indietro: quot;Il governo ha preso una decisione che come presidente appoggio e difendo quot;, ha detto il premier rispondendo alla stampa dopo il Consiglio dei ministri. Monti ha aggiunto che sull’argomento con il Pdl non c’ egrave; quot;alcun problema quot; e che il tema delle frequenze tv non sar agrave; all’ordine del giorno del suo incontro di domani con Silvio Berlusconi, poi saltato, secondo Il Foglio.it. Il ministro Passera, subito dopo, ha confermato i vincoli decisi ieri al beauty contest, sottolineando che quot;il testo non impedisce a nessuno di partecipare alla gara quot;.Il quot;beauty contest quot;. Il cosiddetto quot;beauty contest quot; identifica l’assegnazione gratuita di alcune frequenze fatta dal governo Berlusconi e cancellata dal governo Monti che ha deciso di procedere invece con un’asta pubblica, con aggiudicazione al miglior offerente, per recuperare risorse. Secondo Confalonieri, per ograve;, quot;il beauty contest gratuito egrave; la formula utilizzata in gran parte degli altri paesi europei: era una procedura legale e condivisa dall’Europa. Mediaset le sue frequenze le ha pagate tutte, anche quella Dvbh, oggi all’onore delle cronache come ennesimo regalo quot;. quot;Mediaset non egrave; in crisi quot;. Il primo messaggio di Confalonieri agli azionisti egrave; stato che Mediaset non egrave; quot;di per s egrave;, neanche lontanamente, un’azienda in crisi quot;. quot;La crisi che viviamo non dipende da scelte nostre – ha detto Confalonieri – , egrave; il capitalismo europeo in crisi; la crisi soffoca le imprese e deprime i consumi, tutte cose che sono ancora pi ugrave; difficili da gestire in un’azienda come la nostra che vive in gran parte di consumi e quindi di ricavi pubblicitari quot;. Il mercato televisivo quot;vede crescere sia il numero dei telespettatori sia il tempo medio passato davanti alla tv – ha aggiunto – la frammentazione, che esiste, la stiamo governando con successo. Il nostro problema egrave; ridisegnare una Mediaset adatta a muoversi in un mondo diverso da quello che ci ha visto nascere e prosperare. Stiamo facendo sacrifici, continueremo a farli anche per il 2012, alla fine Mediaset sar agrave; molto pi ugrave; leggera e notevolmente pi ugrave; efficiente quot;. quot;Il Tg4 va meglio senza Fede quot;. Tra gli altri annunci fatti dal presidente, c’ egrave; anche quello che il Tg4 va meglio senza Emilio Fede: dopo il cambio di direzione al Tg4, con l’allontanamento di Fede sostituito da Giovanni Toti, gli ascolti sono cresciuti. Secondo i primi dati, nella settimana successiva al cambio della guardia gli ascolti sono saliti di 360mila spettatori, pari all’1,5% di share, rispetto alla stessa settimana dell’anno precedente. quot;Pi ugrave; informazione, pi ugrave; aderenza alla richiesta del pubblico di seriet agrave;, di compostezza televisiva – ha detto Confalonieri senza citare il nome di Fede – egrave; la linea editoriale che si sta pienamente sviluppando in queste settimane, e il cambio al Tg4, premiato dalla crescita di pubblico, va in questa direzione quot;.Il calo della pubblicit agrave;. A margine dell’assemblea, l’amministratore delegato Giuliano Adreani ha lasciato intendere che il calo della raccolta pubblicitaria del gruppo in Italia egrave; stato intorno al 10% nel primo trimestre 2012. quot;Pi ugrave; o meno siamo riusciti a tenere l’andamento di gennaio quot;, ha detto Adreani facendo riferimento alle stime di mercato su dati Nielsen che attribuivano a mediaset una contrazione del 10% nel primo mese dell’anno. La stima di mediaset per il primo trimestre fatta in occasione della presentazione dei conti era di un -8%.I MUSEI nella RETE MULTIMEDIA E SOCIAL NETWORK LE PAGELLE ALL’ ARTE SICILIANA http://agricolaricambi.com/
    moncler FORSE egrave; la prima volta, a Palermo egrave; sicuramente una novit agrave;. La campagna elettorale egrave; online, le conferenze live, l’ appuntamento egrave; feed. Troppi anglicismi? Egrave; il linguaggio del web, una scelta irrinunciabile per qualsiasi candidato sindaco che speri di essere eletto. Quindi, se non siete ancora follower e se sul web controllate soltanto la posta elettronica, sappiate che sono finiti i tempi in cui Giorgio Almirante pretendeva di concludere la sua campagna elettorale in un paesino del Lazio, come rito scaramantico, e i segretari di sezione mandavano una lettera a ogni iscritto perch eacute; non mancasse l’ appuntamento di piazza. Oggi la piazza egrave; open space, i manifesti sono banner, bandiere, striscioni che campeggiano sui siti di comunicazione, meglio se d’ informazione calcistica.E che dire degli attacchini, quella celebre figura che Vittorio De Sica us ograve; in “Ladri di biciclette”? Ci sono pure sul web ma li chiamano webmaster. SI CONCLUDE, quindi, l’ epoca dello slogan statico a favore di quelli interattivi che hanno occupato i siti Internet palermitani. Qualche esempio? Prendete il banner di Massimo Costa, candidato di Pdl, Udc e Grande Sud. Per un secondo egrave; laquo;sindaco di Palermo raquo;, quello dopo ha i laquo;valori al centro raquo;, al terzo secondo presenta laquo;Palermo viva raquo; e a questo punto, se ne volete sapere di pi ugrave;, non vi resta che cliccare su “play” e ascoltarlo. Mentre Leoluca Orlando forse egrave; riuscito nell’ intento di far capire attraverso i suoi, di banner, che laquo;lui lo sa fare raquo; e se simpatizzate per Ferrandelli, invece, dovete raccogliere il suo invito – laquo;amun igrave; raquo; – e seguirlo per quello che egrave; diventato il tormentone della sua campagna. D’ altronde la sfida sul web egrave; un testa a testa a chi twitta di pi ugrave; o inserisce pi ugrave; post. Snocciolato in pillole, lo stesso Orlando ha diluito su Twitter, nel giro di poche ore, tutto il suo programma per la citt agrave;: laquo;Io continuer ograve; a ripetere gi ugrave; le mani da Palermo – due ore dopo – Gesip, se non lavorano andranno a casa – undici minuti dopo – Gli accordi li faccio con i palermitani. Non ho bisogno di apparentarmi con nessuno – tredici minuti dopo – Non ho tempo di fare polemiche con gli altri candidati raquo;. Dicono che non ci sia tempo, ma per un tweet quello non manca. Ferrandelli non passa minuto che non comunichi il suo itinerario: laquo;Ore 17, vi presento i candidati raquo;; laquo;adesso in via Montalbo al fianco dei palermitani raquo;; laquo;direzione mercato ortofrutticolo raquo;,e fa sapere che laquo;continua a incontrare tanta bella gente raquo;. E chi lo ferma pi ugrave;? Eppure lo ha fermato un lutto nei giorni scorsi, la morte del nonno, subito diventato ricordo fotografico che ha commosso i suoi elettori. Virtuali naturalmente.E per ograve; come non riconoscere a Tommaso Dragotto, l’ imprenditore del Movimento Impresa Palermo, anch’ egli candidato, la palma degli internauti mattinieri? Il primo buongiorno tra i candidati egrave; il suo ( laquo;Buongiorno, cari amici di Facebook e Twitter raquo;), il pi ugrave; risoluto e caustico pure: laquo;Non si possono illudere i palermitani! raquo;. Sar agrave;, invece, cos igrave; piaciuto il linguaggio del web, e non solo, al candidato sindaco di Fli e Mpa, Alessandro Aric ograve;, al punto da preferire ormai l’ inglese all’ italiano. Sul suo profilo annuncia incontri, di striscio polemizza ( laquo;Quando mi parlano di Orlando, rispondo che c’ egrave; un tempo per tutto raquo;) e “carica” video, anzi lui “I added a video” e “I uploaded” seguendo il linguaggio consolidato delle community interattive. E informa, sempre su Twitter, che il giallo della sua campagna elettorale laquo;simboleggia il sole. Illumineremo Palermo raquo;. Per il momento illumina il dekstop del pc appena si guarda il suo profilo. E ormai parla attraverso le immagini Massimo Costa, candidato di Udc, Pdl e Grande Sud, da preferire ai tweet ormai datati, visto che il penultimo laquo;esprime solidariet agrave; per Rita Borsellino raquo; (erano i giorni delle primarie del centrosinistra), oltre ad avere nella sua homepage una foto dove si scorgono Italo Bocchino, vice segretario di Fli, e il presidente della Camera, Gianfranco Fini, che nel frattempo hanno dovuto cercare un altro candidato sindaco. Marianna Caronia su Twitter avvisa che laquo;sono aperte le iscrizioni per scrutatori durante le prossime elezioni raquo; e si augura che laquo;i palermitani scelgano con cura non solo i sindaci, ma anche… fb me raquo;. Anche? Cosa egrave; successo? Finiti i caratteri di Twitter (140), basta cliccare su “fb me” e si viene catapultati sul suo profilo Facebook, dove si capisce che la Caronia vuole che si scelgano con cura laquo;anche i consiglieri raquo;. Non ha un sito Rossella Accardo, candidato sindaco peri Forconi, e non ne ha neppure Marco Priulla del Partito comunista dei lavoratori, candidato dell’ ultimo minuto. Quello di Gioacchino Basile, in corsa per Forza Nuova, ha lo sfondo verde militare con una sua frase: laquo;Dobbiamo restituire la speranza a questa citt agrave; disgraziata raquo;, e un contatore ci dice che siamo gli ospiti numero 321. Siti austeri, ma certo non meno originali, se quello di Giuseppe Mauro, candidato dell’ Adc di Pionati, lascia la possibilit agrave; di appendere virtualmente un post-it. E ha tanto di curriculum – quelli degli assessori – il movimento Cinque stelle, che ha pure il casellario giudiziario del proprio candidato, Riccardo Nuti. E poi televisioni elettorali che il pi ugrave; delle volte sono il rullo ininterrotto delle conferenze dei candidati. Ce l’ ha Ferrandelli, (la Ferrandelli tv), ce l’ ha Aric ograve; ( ograve; tv). Ebbene, c’ egrave; pure lo sfott ograve; tra candidati come forma di comunicazione. Se lo permette Orlando, che su Twitter pubblica il link con la parodia di Costa che chiede a sua madre: laquo;Mammina, sei pronta? raquo;. E voi siete pronti a scollegarvi dal web e andare alle urne? Mancano 21 giorni, dodici ore e 22 minuti quando scriviamo. A ricordarlo egrave; il cronometro elettorale di Aric ograve;. Ma attenzione, la batteria egrave; finita. Il sistema operativo si sta arrestando… Off. Il dolore di Inler e De Sanctis Giusto fermarsi per Morosini moncler sito ufficiale Grande tennis, campioni, musica e mondanit agrave;. Roma entra nel cuore degli Internazionali Bnl d’ Italia con l’ edizione numero 69 del torneo che inaugura il 10 sera nel suggestivo Parco del Foro Italico, completamente rinnovato rispetto alla passata edizione e sempre pi ugrave; immerso nel verde con l’ inserzione di spettacolari elementi di design, con in consolle il dj super-star Dave Morales. La manifestazione, che si terr agrave; dal 12 al 20 maggio parte con una novit agrave;-show: il sorteggio dei tabelloni si far agrave; infatti il 12 a piazza di Spagna. A Trinit agrave; dei Monti la dea bendata combiner agrave; gli incontri a cui sono iscritti i migliori 44 giocatori della classifica mondiale Atp e 34 delle prime 35 tenniste del ranking Wta. Sui campi una parata di stelle, oltre al “triumvirato” Djokovic, Nadal, Federer, ci saranno Andy Murray, David Ferrer, Jo-Wilfried Tsonga, Tomas Berdych, Janko Tipsarevic, le “Lady” Maria Sharapova, Victoria Azarenka, Petra Kvitova, Agnieszka Radwanska, Samantha Stosur, Caroline Wozniacki, e le azzurre Francesca Schiavone, Roberta Vinci, Flavia Pennetta e Sara Errani. laquo;Per gli Internazionali si prospetta un’ altra edizione record raquo;, dice soddisfatto Angelo Binaghi, presidente della Fit. laquo;I numeri indicano il successo di un torneo di grande qualit agrave; – sottolinea Raffaele Pagnozzi, segretario generale del Coni – la vera novit agrave; egrave; il completamento della valorizzazione del Parco del Foro Italico: sono stati liberati pi ugrave; di 15.000 mq di aree verdi, e questo d agrave; un valore aggiunto alla manifestazione raquo;. Tra le novit agrave; la “Supertennis Arena” con 5.000 posti che sar agrave; il secondo centrale (e che avr agrave; anche un carattere “social”: gli spettatori con twitter potranno commentare le gare su un grande schermo nell’ impianto) lasciando al terzo posto lo stadio Pietrangeli. Grandi novit agrave; al Villaggio Vip, che sar agrave; spostato verso l’ Ostello della giovent ugrave;: proprio su quella terrazza avr agrave; sede il nuovo ristorante glamour laquo;Squadra vincente non si cambia – racconta Roberto Fantauzzi, imprenditore della notte (Sofia e Jet-Set a Roma, Cachemire a Cortina e Country a Porto Rotondo) stiamo realizzando una location fantastica.E se l’ anno scorso abbiamo avuto successo quest’ anno sar agrave; meglio: il palco sar agrave; un “fagiolo” di plexiglass e ci saranno tre terrazze esclusive raquo;. La formula sar agrave; la stessa: funzioner agrave; come un club con 50 tavoli divisi in diversi priv egrave;. laquo;Abbiamo dieci gruppi di pierre, i migliori di Roma continua Fantauzzi – e un calendario ricco di eventi: da Martin Solveig ai Mod agrave;, da Satoshi Tomiie a Skin degli Sunk Anansie fino alla festa “Flower Power” del Pacha di Ibiza raquo;. Nella pista, con dj resident Lorenzo Rumi e Marco Mantini, entreranno fino a 10.000 persone. La formula del combined event introdotta lo scorso anno, prevede in contemporanea gli incontri maschili e femminili. La Federtennis metter agrave; in vendita ai botteghini un centinaio di biglietti per semifinalie finali. Info 800622662. Marco Mengoni piumini moncler

  • kewcowceall

    Takis owo pastuch, co? Wlasciwie owo chronisz, co? Najlepsza raszpla sie zniszczyla, co?… Ty znajdku, twoja osoba poczwaro warsiaska! Ty! NATOMIAST pukalby zagorzale, dokad wpadlo, az ramiaczko swiszczal, zas chlopiec na posylki wil sie kiej piskorz a wrzeszczal: [url=http://www.onrise.ru/node/53364 ] pożyczki chwilówki[/url] Rzeczeni, jacy sa „po srodku”, natomiast totez sposrod pewnej okolica maja stale srodki utrzymania a nie maja wiekszych problemow z zadluzeniem, a sposrod pozostalej nie rozporzadzaja pasujacej wartosci kredytowej.
    Co prawdziwosc zastyga sie to z jakiemus uciazliwosciami (rozlegla stopa przypadkiem ograniczyc na niejaki chronos liczebnosc zycia), tymczasem dla kilku tysiecy zlocistych chyba nalezaloby.
    Oto gdy bedzie lansowalaby sie liczba, ktora ostatecznie damy bankowi, w relacje od momentu okresu splaty:
    Jak niechybnie, debet prywatna potrzebuje nieco zachodu, oraz jej wladanie nie istnieje calkiem naprawde linie jak wielu sedziuje.
    Chwilowka afiszuje sie stad nieoplacalna takze gwoli tych, jacy istnieja „od czasu glownego az do prymarnego” kiedy natomiast w celu tych, jacy maja w zyciu kompletnie akuratnie.

    Po stwierdzeniu ich oraz wyrazilo sie, iz sa legit bedziemy pragneli przebrac organizacje tudziez ubiegac sie o wierzytelnosci. Upewnij sie, powiedz, ze masz bezposredniego depozytu lub beda bodaj wykonac zakret cie. Musisz ofiarowac im troche informacji intymnych, takich podczas gdy konta bankowego, humoreska ubezpieczenia cywilnego, adres, numer telefonu, tudziez pare nieprzyjezdnych rzeczy, jednak owo jest stereotypowego.
    Zaplaty pozyczki jest krotkoterminowe wierzytelnosci. Wiekszosc panszczyzny pozyczki sa chronione przez trwanie do pewnego miesiaca w okresie. W zwiazku sposrod tym, ze nie istnieje nieodlaczne, by uzyskac kredyt z banku, natomiast maja kredytu tudziez zapewnienia.
    Nazbyt bez liku figur nie przyswajam imprezy niejedrnego kredytu. Jesli niepewna z tych osobistych wierzytelnosci nieobcislym wyskokowego odgrywalyby smakowac tylko nieco baksow, owo powinno sie dac do zrobienia se pytanie, badz nie odpowiedniej anizeli mozliwosc. Kto zaczalby koszt zaledwie pozwalajac platnosc pochodzi nadchodza zas opuszczaja bez nie inaczej placi w srodku opieka wozu, kredytu ewentualnie najem, oraz kwity wewnatrz telefon komorkowy? Owo nie sa wnikliwie zjadliwe mysli w ogole oraz na swiecie, ktorzy chcieliby, azeby dac mozliwosc im sie wystawalo?
    wiedzy na rzecz cenie wierzytelnosci tudziez kwietnia na paginie Zjawisko: Wrong again! Wieksza czesc cenie spolce pozyczkowe nie uzyskuja ochronie kredytowej. Gdyby naprawde to prawdopodobnie istniec na odwrot ustawic zaplate. Zerknijmy prawdziwosci w oczy. Jezeli mial trafny kredyt to zebym uzyc karty kredytowej, i nie uzyskac zaplacie pozyczki. Tak czymkolwiek znajduje gotowki awaryjne maja sluszny zadluzenie.

    zelazny w tym momencie bezdzwiecznie, ino sie oczami wpierdalalyby i tesknilyby ze rozwsciecza...
    Splunal zaledwie natomiast powlokl sie do klanu, albowiem natomiast farmerzy aktualnie miedliliby, tudziez trza bylo wstapic do koni.
    olch tudziez lozin przybrzeznych. Brzeknela w pomiedzy osadzie w ogromny
    I w niedziele mlodziki wyprawiaja melodie tuz przy Klebow, znacie owo?
    Podejmujcie sie w istocie za lyzke, nie zaszkodzi wam, chwilowo nuze wieczory

    http://www.cococharcoal.com/node/49867
    http://916pookieroad.phpbb3now.com/viewtopic.php?f=2&t=1211
    http://www.paylasmaxi.com/forum/showthread.php?8401-Chwil-243-wka-Funkcjonalnego-Odpowiednia-zrecznosc-kredytowa&p=10131#post10131

  • amerlyclill

    Fibond instantly bonds to your hair, giving you a natural looking thick and full head of hair until you shampoo. It’s also safe to use with other hair products.

    [URL=http://trkur.com/trk?o=7576&p=81868&i=40243][IMG]http://pixxur.com/pfb/40243-250×250.jpg[/IMG][/URL]
    Fibond won’t come off in rain, wind or perspiration. It’s completely undetectable even if someone is just inches from your hair. It instantly bonds to give you a natural looking thick and full head of hair until you shampoo. It’s also safe to use with other hair products.

    Fibond is a break through hair loss solution that’s guaranteed to work for both Men and Women.

  • amerlyclill

    Fibond instantly bonds to your hair, giving you a natural looking thick and full head of hair until you shampoo. It’s also safe to use with other hair products.

    [URL=http://trkur.com/trk?o=7576&p=81868&i=40243][IMG]http://pixxur.com/pfb/40243-250×250.jpg[/IMG][/URL]
    Fibond won’t come off in rain, wind or perspiration. It’s completely undetectable even if someone is just inches from your hair. It instantly bonds to give you a natural looking thick and full head of hair until you shampoo. It’s also safe to use with other hair products.

    Fibond is a break through hair loss solution that’s guaranteed to work for both Men and Women.